sábado, julio 20

Ehi NBA, Jalen Brunson dei Knicks è dannatamente bravo e dimostra che gli oppositori si sbagliano

Dopo l’ennesima deludente sconfitta di inizio stagione, Jalen Brunson era al suo armadietto, pronto a parlare con i media a Milwaukee.

Mentre il playmaker si voltava, con la faccia seria come al solito dopo la quarta sconfitta dei Knicks in sei partite, indossava una maglietta fatta in casa, tutta nera e con scritte bianche sopra, che sembrava uscita direttamente dalle macchine da stampa Vistaprint. .

Sul petto di Brunson leggi un idioma familiare: La magia è nel lavoro.

«Questa è una produzione di Sandra Brunson», ha detto Brunson, riferendosi a sua madre, che ha impresso il motto di lunga data della famiglia sul girocollo. Naturalmente, “La magia è nel lavoro” non è un originale della famiglia Brunson.

Chiunque conosca l’allenatore dei Knicks Tom Thibodeau ha un rapporto pavloviano con quell’espressione. Quelle 19 lettere formano il suo detto preferito. Trova qualcuno che ha frequentato l’allenatore, digli che la magia sta nel lavoro e preparati a far battute su Thibodeau o a dare l’impressione di un uomo che ha dedicato la sua vita al basket.

Anni fa, il padre di Brunson, Rick, che giocava per Thibodeau quando era giocatore e quando Thibodeau era assistente allenatore dei Knicks negli anni ’90, aveva stracciato il linguaggio per se stesso. Lui e Sandra lo ripetono a Jalen da due decenni e mezzo. Rick è in qualche modo un lealista di Thibodeau. Ha suonato per lui a New York, dove i due si sono avvicinati. È stato assistente di Thibodeau nella prima tappa dell’allenatore a Chicago, nella seconda in Minnesota e ora nella terza a New York.

Rick portava suo figlio in ufficio in quegli anni. Thibodeau ricorda gli anni ’90, quando Jalen non era solo troppo piccolo per la celebrità ma troppo piccolo per la scuola elementare e si presentava agli allenamenti dei Knicks con impressioni già pronte dei migliori giocatori della squadra. Ha interpretato Latrell Sprewell, Allan Houston, Patrick Ewing e Larry Johnson.

«Aveva ragione», ha detto Thibodeau. «Aveva circa 6 anni e conosceva tutti i movimenti.»

Thibodeau non avrebbe mai potuto sapere allora che alla fine sarebbe diventato l’allenatore di quella franchigia. Ancor meno, non avrebbe potuto prevedere che il figlio di Rick sarebbe stato il leader della sua squadra e, a partire da giovedì, sarebbe diventato ufficialmente un All-Star NBA per la prima volta nella sua carriera.

Nessuno nella cricca avrebbe potuto immaginare che l’ingegnere di quella squadra, colui che avrebbe distrutto un periodo apparentemente infinito di depressione indotta dai Knicks tra i suoi fan, sarebbe stato l’allora agente di Rick Brunson, Leon Rose, che avrebbe alla fine si fece strada alla CAA, che rappresenta anche Thibodeau, per dirigere la divisione di basket dell’agenzia prima che i Knicks lo assumessero per diventare il loro presidente della squadra nel 2020.

Dopo che Jalen ha firmato con i Knicks due anni fa, ha fornito una risposta con una sola parola sul motivo: «Famiglia». Non sperava solo di lavorare per suo padre; C’era anche Rosa. Voleva giocare per Thibodeau, il tossicodipendente iperintenso di basket che conosceva da quando era troppo giovane per ricordarselo. E non è che i Knicks abbiano portato via qualcuno che era altrettanto ambito ovunque.

L’ex squadra di Brunson, i Dallas Mavericks, aveva scelto di non offrirgli un’estensione che sarebbe stata circa la metà dei 104 milioni di dollari che alla fine firmò con i Knicks, un contratto che fu ampiamente criticato come pagato in eccesso. Oggi è uno degli accordi più favorevoli alla squadra della NBA.

Leer más  ‘His legs have gone’: Unpicking the four words no footballer wants to hear

Questa non è stata la traiettoria di un tipico All-Star. Brunson è stato una costante collegiale di tre anni, una scelta di secondo turno che non ha giocato molto da debuttante e che non ha iniziato regolarmente fino alla sua quarta stagione professionale. È più basso dei suoi coetanei, riesce a malapena a schiacciare ed è più ossessionato dai pivot che dai crossover.

Di tutti gli universi paralleli esistenti, questo è l’unico in cui Brunson diventa un All-Star con questa squadra in questa città che gioca per questo presidente e questo allenatore, diventando anche il volto di una svolta organizzativa. Eppure sta succedendo.

Quando giovedì l’NBA ha annunciato le riserve All-Star, sono comparsi due Knicks: Julius Randle, che ora è un All-Star per la terza volta in quattro stagioni, e Brunson, che ce l’ha fatta per la prima volta.

Anche l’emergere di Randle non è convenzionale. I Los Angeles Lakers lo hanno selezionato alla lotteria del 2014 ma lo hanno lasciato libero di agire una volta scaduto il suo primo contratto NBA. Ha firmato un contratto di un anno, scommettendo su se stesso, con i New Orleans Pelicans, che lo hanno lasciato andare anche dopo quella stagione. Dopo che l’inseguimento per Kyrie Irving e Kevin Durant si è concluso con le due stelle dirette ai Brooklyn Nets, i Knicks si sono rivolti a Randle, offrendogli un contratto a breve termine per meno soldi.

Nessuno avrebbe potuto immaginare che quattro anni e mezzo dopo, una squadra di basket di New York avrebbe catturato il cuore della città dietro i suoi due All-Stars – e nessuno dei due sarebbe stato Durant o Irving.

«La cosa speciale è che sono fatti da sé», ha detto Thibodeau. “Non è stato dato loro e se lo sono guadagnato. Siamo orgogliosi di loro”.

Questo non sarebbe mai dovuto accadere. Eppure, stiamo osservando gli stessi eventi accadere notte dopo notte.

I Knicks sono 32-17 in stagione, vincitori di nove partite consecutive. È come se avessero scelto di smettere di perdere. Sono 15-2 dal 1 gennaio. Ogni notte, qualcuno si fa male, e non sembra avere importanza. Mitchell Robinson è stato sottoposto a un intervento chirurgico alla caviglia a dicembre, ma da allora la squadra ha tenuto testa a Isaiah Hartenstein dimostrando il suo calibro da titolare. E ultimamente, il roster sta andando in pezzi.

Randle si è lussato una spalla meno di una settimana fa. Lunedì ha saltato la sua prima partita. Quella stessa notte, OG Anunoby dovette sedersi a causa di un’infiammazione al gomito. Da allora non ha più giocato nelle tre partite. Il giorno dopo, Quentin Grimes ha preso un colpo al ginocchio, che ora è slogato, mettendolo da parte.

Giovedì sera ai Knicks mancavano quattro giocatori in rotazione. Thibodeau infrange le leggi del tempo, facendo correre i suoi favoriti per 59 minuti nelle partite regolamentari. Eppure continuano a vincere.

Lunedì hanno distrutto gli Charlotte Hornets, distrutto i rispettabili Utah Jazz la sera successiva e sono risaliti da sotto 15 fino a superare i sempre emozionanti Indiana Pacers 109-105 giovedì.

Leer más  Six days on the bubble with America’s most eclectic team

In qualche modo, i Knicks, una squadra più associata allo squallore che ai giocatori negli ultimi 23 anni, sono a metà partita dal secondo posto nella Eastern Conference. Ed è difficile guardare altrove se non verso Brunson.

La prestazione di giovedì è stata il suo capolavoro: 40 punti contro una difesa che gli ha tirato addosso tutto quello che poteva. Con i Knicks in inferiorità numerica, i Pacers lo hanno doppiato dall’inizio. Erano fisici con Brunson come Brunson lo è normalmente con chiunque stia gareggiando contro – tanto che verso la fine della partita, Brunson ha preso uno schiaffo in faccia ed è crollato a terra solo per essere inghiottito dai fischi.

Nella giocata successiva, Brunson ha segnato un and-1, dando a New York un punto di vantaggio a meno di due minuti dalla fine.

“Uno A, 1B, non importa. Il ragazzo è un All-Star. Sta vivendo una stagione da MVP in questo momento», ha detto Donte DiVincenzo. “Dovrebbe essere il giocatore del mese questo mese. Cos’altro posso dire? Il tipo sta facendo tutto il possibile per farci vincere le partite. Non è facile in questo momento con Julius che cade, OG che cade e Mitch che non è qui. Ci è stato gettato tutto contro e lui vuole ancora che vinciamo le partite”.

Brunson ha ora una media di 27,1 punti, il massimo della sua carriera, a cui si aggiungono 6,4 assist in stagione. Giovedì ha disputato la sua quinta partita da 40 punti sulle prime 49 partite dei Knicks. Se n’è andato più di 30 e 19 volte. Dei 534 giocatori che hanno segnato un punto finora in questa stagione, solo tre, un trio di candidati MVP, hanno totalizzato più di Brunson: Shai Gilgeous-Alexander, Giannis Antetokounmpo e Luka Dončić.

Questa storia, questa carriera doveva svolgersi solo nei sogni.

Se Rose non fosse venuta ai Knicks, se non avesse ingaggiato Thibodeau immediatamente al suo arrivo, se Thibodeau non si fosse avvicinato a Rick 25 anni fa, se Rick non fosse stato un lealista di Rose per tutta la vita, se Rick e Rose i ragazzi non erano così vicini da così tanto tempo che il figlio di Rose, Sam, non era cresciuto fino a diventare l’agente di Jalen, questo giocatore con questo background probabilmente non diventerà un All-Star per questa squadra.

Ma, in qualche modo, è successo. Brunson è diventato uno degli All-Stars meno probabili della NBA, solo la 21esima scelta al secondo turno per fare un All-Star Game da quando la lega ha implementato un draft a due round nel 1989. E in qualche modo, i Knicks lo hanno seguito al suo posto.

Hanno acquisito i suoi migliori amici da Villanova: DiVincenzo, Josh Hart e Ryan Arcidiacono. In qualche modo, tutti quei giocatori si sono trasformati in aggiunte al roster senza sforzo. In qualche modo, sono riusciti ad aggiungere Anunoby, che è la personificazione della nuova identità di questo gruppo: muso duro, mentalità difensiva e orientamento alla squadra.

Si comincia dall’alto.

I Knicks hanno fatto di tutto per ingaggiare giocatori con la mentalità di Thibodeau: quelli che si preoccupano prima della difesa, quelli che si tufferanno in tribuna a tre minuti dalla fine in una partita da 20 punti. Ma aiuta anche quando il tuo miglior giocatore gioca in quel modo.

Leer más  El rango de luz verde de Caitlin Clark la ha convertido en el estándar de oro en el baloncesto universitario femenino.

«Quando il tuo All-Star e il tuo leader lo fanno, stabiliscono lo standard», ha detto Hart. «Ma è qualcosa di cui ognuno di noi è orgoglioso.»

In un campionato in cui alcune squadre creano regole che scoraggiano i giocatori dal tuffarsi per prendere la palla durante le mischie di allenamento solo perché non possono rischiare che un giocatore di punta si ferisca, Brunson prende il comando in allenamento. È uno dei due ragazzi della squadra, insieme ad Arcidiacono, a farlo. È leader nella NBA per quanto riguarda i falli offensivi subiti. È una star che si comporta come un giocatore di ruolo, probabilmente perché non avrebbe dovuto essere molto al di sopra di questo.

Non avrebbe dovuto arrivare a 40 così spesso. Non avrebbe dovuto essere quello per cui i fan dei Knicks restavano fino a tardi solo per poter perdere la voce.

Dopo la vittoria sui Pacers giovedì, Alan Hahn di MSG si è rivolto a Brunson per la tipica intervista sul campo post partita, il cui audio viene riprodotto in tutta l’arena e in televisione. Ovviamente questo non era il solito gioco.

Brunson era appena andato a segno 40 punti contro una difesa che lo inondava. Aveva ufficialmente fatto All-Star solo poche ore prima. I 20.000 presenti erano i più chiassosi di tutti i gruppi che avevano riempito il Madison Square Garden finora in questa stagione. Quando i Knicks stanno giocando, e la fanbase lo sa, queste partite si trasformano in un altro tipo di evento.

La maggior parte di quelle masse non se ne andarono una volta finita la partita. Invece, hanno aspettato che Brunson iniziasse la sua intervista. Hahn ha chiesto della serata, di Brunson che finalmente si è intrufolato in una squadra All-Star dopo aver portato l’etichetta di affronto simbolico una stagione fa. Ma anche con il microfono alzato, potevi a malapena sentire Hahn tra le migliaia di persone rimaste nell’arena che urlavano “MVP!” canti.

Brunson, che non è noto per le sue manifestazioni pubbliche di emozioni, è rimasto senza fiato. Non riusciva a parlare.

«È stata bella l’intera esperienza, il modo in cui abbiamo vinto, ovviamente quello che è successo prima della partita», ha detto Brunson. “Lavori sempre per certi momenti ma non sai mai come reagire una volta che accadono. È stato speciale.»

Quel momento non riguardava solo giovedì sera, non riguardava solo una squadra che ha giocato come la migliore della NBA per un mese o un giocatore che ha rinvigorito una franchigia precedentemente dolorosa e improbabilmente è entrato nella terra dell’élite. Non c’è dubbio: la costante ricerca dei Knicks per un artista All-NBA, un argomento sin da quando Rose ha assunto la direzione del front office quattro anni fa, deve essere riformulato. Questa non è assolutamente una caccia a una stella; è una caccia a un altro stella.

Nessuno avrebbe potuto prevederlo, tranne forse una o tre persone che conoscono Brunson da quando era all’asilo.

«Ci sono sempre stati degli oppositori», ha detto Thibodeau. «E dimostra sempre che hanno torto.»

(Foto di Jalen Brunson: Sarah Stier / Getty Images)